ONSAI – Osservatorio Nazionale sui Servizi di Architettura e Ingegneria

By 24 Gen, 2017Notizie

RACCOLTA ADESIONI PER GRUPPO DI LAVORO ONSAI PRESSO L’ORDINE ARCHITETTI DI MODENA

Come già annunciato a tutti gli iscritti a seguito di specifica circolare pervenuta dal C.N.A.P.P.C., la Costituzione dell’ Osservatorio Nazionale sui servizi di Architettura e Ingegneria (ONSAI) presso il CNAPPC, richiederà un’azione di monitoraggio anche a scala provinciale attraverso l’organizzazione di Sezioni locali, da istituirsi presso gli Ordini, che potranno effettuare il monitoraggio e la verifica dei bandi, sul territorio provinciale e non solo, grazie al supporto di una apposita check-list – impostata su iM@teria, la piattaforma informatica del Consiglio Nazionale – programmata in modo da raccordare le attività dell’Unità Centrale di Controllo con le Sezioni locali. Queste ultime, inoltre, dovranno segnalare alle stazioni appaltanti del proprio territorio le criticità rilevate nei bandi, suggerendo le soluzioni per superarle, con l’obiettivo di istituire con le medesime, un rapporto di collaborazione.

Ciò premesso questo Ordine chiede agli iscritti la disponibilità a partecipare al costituendo gruppo di lavoro, sottolineando che si tratta di un impegno che potrà essere svolto anche in autonomia, una volta definite le modalità da adottarsi, cosa che potrà richiedere alcune riunioni dimostrative presso la sede dell’Ordine.
Si sottolinea inoltre che l’apporto richiesto non costituirà alcun motivo di conflitto o esclusione a partecipare ad eventuali bandi in corso di analisi, e che l’impegno presso il gruppo di lavoro determinerà il riconoscimento di crediti formativi, secondo le indicazioni delle Nuove Linee Guida.

Gli iscritti interessati potranno inviare la propria candidatura entro il 3 marzo 2017 tramite e-mail alla Segreteria dell’Ordine ordine@ordinearchitetti.mo.it.

APPALTI PUBBLICI: NASCE L’ONSAI

Verificare, anche su segnalazione degli iscritti, i bandi pubblicati dalle stazioni appaltanti per l’affidamento di Servizi di Architettura e Ingegneria sull’intero territorio nazionale; alimentare uno scambio di informazioni tra gli Ordini provinciali sulle criticità dei bandi pubblicati affinché venga attivato, dall’Ordine competente per territorio, un confronto con le stazioni appaltanti interessate, finalizzato  al superamento delle stesse criticità; offrire agli iscritti un servizio utile a valutare preliminarmente l’opportunità di partecipare alle diverse procedure di affidamento.

Questi i principali obiettivi dell’Osservatorio Nazionale sui Servizi di Architettura e Ingegneria (ONSAI) costituito dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori che intende, inoltre, fornire alle Stazioni Appaltanti un supporto rapido ed efficace per la stesura dei disciplinari di gara. A tale scopo, gli architetti metteranno a disposizione delle stazioni appaltanti appositi bandi tipo sugli affidamenti dei servizi di architettura e ingegneria e sui concorsi di idee e di progettazione, per le varie fasce individuate dal nuovo codice dei contratti.

Le modalità di funzionamento dell’Osservatorio saranno articolate attraverso una Unità Centrale (istituita presso il Dipartimento Lavori pubblici del Consiglio Nazionale) che esprime pareri su richiesta degli Ordini Provinciali, fruendo del proprio servizio di consulenza tecnico-legale; l’Unità centrale, inoltre, supporta gli Ordini locali nell’interlocuzione con le stazioni appaltanti; raccoglie,  in una banca dati informatica le segnalazioni pervenute dalle sezioni locali; redige un report annuale sulle criticità rilevate per poter suggerire allo stesso  Consiglio Nazionale le iniziative più opportune per superarle.

Le Sezioni locali, istituite presso gli Ordini provinciali, effettuano, invece, il monitoraggio e la verifica dei bandi con il supporto di una apposita check-list – impostata su iM@teria, la  piattaforma informatica del Consiglio Nazionale – programmata in modo da raccordare le attività dell’Unità Centrale di Controllo con le Sezioni locali; queste ultime, inoltre, segnalano alle stazioni appaltanti le criticità rilevate nei bandi, suggerendo le soluzioni per superarle. Infine, ove richiesto,  le sezioni locali supportano le stazioni appaltanti nel redigere i bandi, fruendo dei bandi tipo e della check- list dell’Osservatorio.

L’elemento di raccordo tra l’Unità Centrale e le Sezioni Locali saranno i sei coordinamenti interregionali (Nord-Ovest: Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria; Nord-Est: Friuli, Lombardia, Trentino, Veneto; Centro/Nord: Emilia Romagna, Marche, Toscana; Centro Sud: Lazio, Abruzzo, Molise, Umbria; Sud: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia; Isole: Sicilia, Sardegna).

L’Osservatorio sarà a regime entro il prossimo aprile, ma già a fine gennaio sarà on-line per un periodo di sperimentazione di due mesi.