Unione Terre d’argine [in]tessere legami territoriali

Dal 29 novembre al 9 dicembre 2018 prorogata al 12 dicembre verrà allestita una mostra presso i Musei di Palazzo Pio a Carpi per presentare gli esiti della ricerca che l’Unione delle Terre d’Argine ha commissionato al Politecnico di Milano al fine di formulare alcune proposte strategiche e prefigurative di supporto alla stesura di linee guida che indirizzino la nuova pianificazione territoriale a scala sovracomunale, che per la prima volta verrà elaborata a livello dell’intero territorio.

Lo stesso giorno di apertura, 29 novembre 2018 alle 17.30, verrà inaugurata la mostra e alle ore 18.00 si terrà una tavola rotonda presso la adiacente Sala delle Vedute in cui gli amministratori e gli autori della ricerca si confronteranno intorno ai diversi progetti proposti.

INVITO MOSTRA E INAUGURAZIONE

Successive presentazioni si terranno (INVITO):
3 dicembre 2018 | ore 20.45 a Campogalliano
4 dicembre 2018 | ore 18.30 a Novi di Modena
6 dicembre 2018 | ore 20.45 a Soliera

[in]tessere legami territoriali_ Strategie e prefigurazioni per un piano d’Unione

Il punto nodale intorno a cui si sviluppa l’intero percorso critico e di conseguente “messa in opera” progettuale e strategica è che Il territorio non può più essere considerato come il grande assente, materia inerte, modificabile e plasmabile in qualsivoglia maniera, inciso da qualsiasi solco e ferita

Così, attraverso la costruzione di un vasto quadro di approfondimento conoscitivo di quegli elementi ritenuti strutturanti la conformazione e la strutturazione identitaria dell’intero territorio dell’Unione delle Terre d’Argine, sia a livello territoriale che in ambito locale, sono state indagate le precipue caratteristiche morfologiche, i fenomeni endogeni di costruzione del territorio e dei suoi insediamenti, e alcune dinamiche attualmente in atto, allo scopo di individuare possibili strategie di governo e strutturazione dell’intero territorio che potessero mettere in risalto e a sistema quegli elementi capaci di rinsaldare il senso di appartenenza degli abitanti (legami) alla scala dell’intero territorio dell’Unione, e al contempo far emergere, a livello locale, quei nodi strategici e sinergici, e quelle strutture urbane latenti, ancora capaci di costituire rizoma fecondo e fertile humus per una ricomposizione corale del fatto urbano e un rinvigorimento della sua vocazione collettiva, ottemperando così sia alle esigenze più sentite e vicine alle singole amministrazioni comunali, sia ai principi espressi dalla nuova Legge Urbanistica regionale (LR 21 dicembre 2017 n. 24).

E se Italo Calvino aveva intuito la necessità di interrogare il territorio quando faceva affermare a Marco Polo: «Anche le città credono d’essere opera della mente o del caso, ma né l’una né l’altro bastano a tener su le loro mura. D’una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda» [1], sembra divenire sempre più palese che la domanda non può più restringersi esclusivamente a risposte di massimizzazione funzionale, ma deve spaziare in ambiti più profondi riguardanti il senso autentico dell’abitare dell’uomo tra cielo e terra [2].

Vengono così messi in mostra gli elaborati grafici che tratteggiano gli esiti delle ipotesi strategiche e alcuni plastici di esplorazioni progettuali, elaborate insieme agli studenti dell’università milanese, che, abbracciando e coinvolgendo capillarmente l’intero territorio, propongono sia azioni d’area vasta, che singole risoluzioni, prefigurando quei nodi ritenuti possibili germinazioni di nuova urbanità e poli di socialità, convivialità e incontro, concorrendo in tal modo a rendere la strategia complessiva concreta in ogni sua parte e più facilmente manifesta anche all’interno delle comunità più piccole.

Queste proposte hanno come focus le trasformazioni fisiche e materiali del territorio, sia a scala paesaggistica che strettamente urbana, e scaturiscono dall’esigenza di esplicitare quelle vitali relazioni spaziali (e non) da ri-innestare nel contesto fisico con cui si rapportano.

Si è cercato di attivare e progettare tutto questo attingendo ad uno sguardo che si vuole fare poetico-poietico, cioè affine a quel fare – creare con le mani – tanto attinente alle vicende che hanno costruito questo territorio, auspicando un cambio di paradigma, sia in termini culturali, sia anche più semplicemente relativo alle abitudini stesse del quotidiano, che porti a perseguire l’attivazione di processi di manutenzione/riparazione/trasformazione, in qualche misura affini a quella prassi caratteristica del kintsugi [3] che, non accontentandosi di incollare i “pezzi rotti”, i residui spaziali lasciati indietro da scelte miopi e autoreferenziate, pretende di farlo in maniera “preziosa”, in cui, come ci insegna Adolf Loos la preziosità non risiede nel valore del materiale adoperato ma nella giustezza e appropriatezza del suo utilizzo e della sua vocazione [4].

Queste prefigurazioni spaziali, che intendono esprimere attraverso la propria consistenza fisica una delle possibili soluzioni conformi a costruire le relazioni individuate, vengono qui offerte come proposte da discutere, dibattere, dipanare in tutta la loro complessità, perché, qualora condivise, possano essere germinazioni e spunti fertili per future elaborazioni che ne sostanzino la loro concretizzazione; come in alcuni casi è avvenuto e sta avvenendo [5].

 

Autori

Edoardo Colonna di Paliano è architetto e Professore a Contratto di Composizione Architettonica e Urbana al Politecnico di Milano presso la Scuola di Architettura Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni. Ad un’intensa attività universitaria e professionale unisce un’appassionata e continua ricerca sui temi della progettazione urbana operante, sviluppata attraverso studi condotti in stretta collaborazione con le amministrazioni locali, con l’intento esplicito di riversare saperi disciplinari nell’ambito della costruzione reale del territorio. Relativamente al territorio qui trattato ha scritto insieme a G.Frassine il libro: “Soliera. Inclusioni di prossimità urbane”, Mimesis, 2014

Giorgio Frassine è architetto e professore a contratto di Rappresentazione dell’Architettura presso la Scuola di Architettura Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni del Politecnico di Milano Nell’ambito dell’attività accademica ha partecipato a numerosi gruppi di lavoro, didattici e di ricerca, occupandosi in particolare del rapporto tra progetto, architettonico e urbano, e contesti territoriali.

Lorenzo Castellani Lovati è architetto laureato presso il Politecnico di Milano in Architettura delle costruzioni con la tesi “Milano e l’acqua dei sogni”. Fin dall’inizio della sua attività di ricerca si lega all’approfondimento di temi riguardanti la progettazione urbana, gli spazi aperti e il paesaggio. Collabora attivamente ad attività di ricerca e di didattica presso la Scuola di Architettura Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni del Politecnico di Milano.

Andrea Maspero è architetto e urban designer. Ha studiato architettura presso il Politecnico di Milano e l’Universidad de Belgrano Buenos Aires. Ha conseguito il Msc. in Urban Planning and Policy Design presso il Politecnico di Milano in collaborazione con la UPenn Design University of Philadelphia. Svolge attività di ricerca e didattica presso il Politecnico di Milano ed il Dipartimento di Architettura dell’Università di Sassari. E’ membro dell’associazione culturale LandWorks.


[1] Calvino, Le città invisibili, Einaudi, 1972
[2] Heidegger, Poeticamente abita l’uomo, in Saggi e discorsi, G.Vattimo (a cura di), Mursia, 2014
[3] kintsugi, L’arte del kintsugi è una
pratica giapponese che consiste nell’utilizzo di materiali preziosi per la riparazione di oggetti in ceramica (in genere vasellame), per saldare assieme i frammenti e farli rinvenire a nuovo splendore.
[4] A.Loos, I materiali da costruzione, in Parole nel vuoto, Adelphi, 1972
[5] Si fa riferimento in particolare: al concorso di progettazione internazionale “Dilatare centralità-il centro storico di Soliera”, 2015; al Bando promosso dalla Regione Emilia Romagna sulla rigenerazione urbana in cui il comune Campogalliano ha attivato una richiesta sulla base di indicazioni provenienti dalle strategie qui presentate; alla proposta di variante alla viabilità provinciale richiesta dal comune di Novi di Modena, a seguito delle prefigurazioni qui elaborate.

 

Crediti formativi:

  • n. 2 CFP per ciascuna tavola rotonda (Al fine di evitare spiacevoli inconvenienti si ricorda a tutti gli iscritti che per ottenere il rilascio dei CFP è obbligatorio apporre la propria firma e l’orario in entrata e in uscita sul registro presenze. Non saranno accettate registrazioni parziali. Si precisa inoltre che per la partecipazione a seminari e convegni i CFP saranno riconosciuti solo per la presenza per l’intera durata dell’evento formativo).
  • n. 1 CFP per la visita alla mostra: da richiedere mediante autocertificazione.L’iscritto dovrà conservare il biglietto di ingresso e caricarne la scansione sulla piattaforma iM@teria seguendo la seguente procedura:COME INSERIRE LE ISTANZE/AUTOCERTIFICAZIONI?
    Accedere alla Piattaforma iM@teria.
    Selezionare “Le mie certificazioni” (riga grigia sottostante a “stampa situazione formativa”) e successivamente selezionare la voce “Nuova Certificazione” (sopra la riga grigia): si aprirà un form da compilare.
    Dopo avere completato l’inserimento, occorre salvare e successivamente caricare la documentazione a supporto della richiesta (es. biglietto di ingresso).
    Infine premere “invia certificazione”.

Nel caso dopo l’evento gli iscritti volessero inviare un feedback all’Ordine, è possibile compilare la SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL’EVENTO FORMATIVO

convegno Sistemi costruttivi Ytong dalla teoria alla pratica

Organizzato da YTONG in collaborazione con BOCCHI GROUP

convegno Sistemi costruttivi Ytong dalla teoria alla pratica: caratteristiche, prestazioni e pratica di posa in opera

martedì 26 settembre 2017 | ore 15.00 – 17.00 (RIMANDATO A DADA DA DEFINIRE)
presso Cantiere Ytong – SP413 – direzione Mantova (150 mt dopo il semaforo a sinistra, tra via Vittorio Veneto e via Ponte Catena) – Novi di Modena

Incontro tecnico-applicativo relativo al tema della costruzione e riqualificazione energetica degli edifici attraverso l’utilizzo dei sistemi di costruzione minerali YTONG e Multipor per ottenere edifici a basso consumo energetico.

Il corso è promosso dal Collegio dei Geometri di Modena e dall’Ordine degli Architetti di Modena e darà diritto a 2 CFP gratuiti ai Geometri e Architetti iscritti all’albo:
– dalle ore 11.00 alle ore 13.00 il corso sarà dedicato ai Geometri
– dalle ore 15.00 alle ore 17.00 il corso sarà dedicato agli Architetti
Potranno partecipare anche persone non appartenenti alle categorie sopra indicate, senza però ricevere i crediti formativi.

PROGRAMMA E ISCRIZIONE

Crediti formativi – IMPORTANTE: Al fine di evitare spiacevoli inconvenienti si ricorda a tutti gli iscritti che, per ottenere il rilascio dei CFP è obbligatorio apporre la propria firma e l’orario in entrata e in uscita sul registro presenze. Non saranno più accettate registrazioni parziali. Si precisa inoltre che per la partecipazione a seminari e convegni i CFP saranno riconosciuti solo per la presenza per l’intera durata dell’evento formativo.

Per informazioni:
Impresa BM sas dei F.lli Bocchi
mauro.bocchi@bocchigroup.it

seminario e visita in cantiere Costruire sostenibile

Organizzato da AESS – Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile di Modena

SEMINARIO TECNICO E VISITA IN CANTIERE
COSTRUIRE SOSTENIBILE: TECNOLOGIA BREVETTATA IN LEGNO MASSICCIO NON TRATTATO, ISOLAMENTO IN SUGHERO TOSTATO E SCELTE ENERGETICHE CONSAPEVOLI, ANALISI COSTI-BENEFICI

giovedì 6 aprile 2017 | ore 14.00 – 18.00
presso la sede AESS – Casa Ecologica di Via Enrico Caruso 3 – Modena
e presso il cantiere a Novi di Modena

L’iniziativa si rivolge ai professionisti che intendono approcciarsi con competenza alla progettazione di soluzioni architettoniche, prestazionali e in sicurezza. Nel corso della prima parte, che si svolgerà in aula, si vuole approfondire una innovativa tecnologia costruttiva formate da blocchi multistrato autoportanti, elementi in legno massiccio non trattato raccordati con una tecnica brevettata, senza uso di colle e parti metalliche, e il tema dell’isolamento termico in sughero tostato materiale principe della bioarchitettura, prodotto totalmente naturale perché ottenuto tramite processo termico di tostatura, quindi senza aggiunta di colle o di sostanze chimiche. Verrà anche presentato un interessante lavoro di analisi energetica che andrà ad indagare quali sono i parametri che possono influenzare la scelta dello spessore dell’isolante, al fine di scelte consapevoli costi/benefici.

A seguire ci si sposterà con mezzi propri presso il cantiere messo a disposizione dalle aziende nella zona di NOVI DI MODENA dove sarà possibile visionare ed approfondire la fase di cantiere e la corretta posa in opera della struttura e dei materiali di un edifico residenziale in fase di realizzazione con queste tecnologie.

PER POTER EFFETTUARE LA VISITA IN CANTIERE TUTTI  I PARTECIPANTI DOVRANNO INDEROGABILMENTE INDOSSARE CASCO E SCARPE DI SICUREZZA.

Partecipazione gratuita previa iscrizione.

PROGRAMMA E ISCRIZIONE

moduli formativi Rigenerazione del patrimonio rurale

Organizzato dall’Ordine Architetti Modena in collaborazione con l’Istituto Alcide Cervi e la Biblioteca Archivio Emilio Sereni

Abitare inteso come la ricerca di un equilibrio fra forme di insediamento e attività lavorative connotate da una gestione autosostenibile per la rigenerazione di un patrimonio oggi in forte crisi non solo identitaria. E Abitare inteso anche come occasione per la valorizzazione finalizzata alla promozione del territorio e del turismo. L’edizione 2016 della Summer School Emilio Sereni, incentrata proprio sul tema “abitare la terra”, con l’intento di portare un contributo alle strategie di pianificazione territoriale e di sviluppo rurale, ha offerto spunti per altri modi di confronto con il paesaggio rurale. In continuità con le attività formative già intraprese, ma con un approccio multidisciplinare al tema della rigenerazione del territorio, sono proposti questi incontri.

Numero di ore e articolazione temporale del corso:
n. 2 moduli tematici di 7 ore: mattina lezione frontale e dibattiti (9.00 – 13.30), pomeriggio visite guidate ad aziende (15.00 – 18.30)

1° Modulo: 10 marzo 2017 a Novi di Modena – Sede Municipale Secondaria, Sala Civica Ferraresi – Piazza 1° maggio

2° Modulo: 17 marzo 2017 a Pavullo nel Frignano – Sala Municipale – Piazza Montecuccoli VARIAZIONE SEDE: SALA DIDATTICA UNIONE COMUNI DEL FRIGNANO – VIA GIARDINI 15 – PAVULLO NEL FRIGNANO MO

Quota singolo modulo:
Quota cadaun modulo: (25 euro + IVA =) 30,50 euro
Quota per chi si iscrive ai due moduli: (40 euro + IVA =) 48,80 euro
Quota ridotta per iscrizione singolo modulo: (20 euro + IVA=) 24,40 euro (Riservata a coloro che hanno frequentato corsi-moduli sul tema del recupero (insediamenti rurali, fabbricati in muratura) e Summer School 2016)

Il versamento della quota di iscrizione dovrà essere effettuato entro il 3 marzo 2017, mediante bonifico bancario, intestato a: FONDAZIONE DEGLI ARCHITETTI P.P.C DI MODENA – Via Ungaretti 20 – Modena – IBAN: IT89O0538712905000001458380 – Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Agenzia 5 Modena.
Invieremo conferma di attivazione del seminario al raggiungimento del numero minimo di adesioni.
RAGGIUNTO IL NUMERO MINIMO DI ISCRIZIONI PER L’ATTIVAZIONE DEI MODULI, SI ACCETTERANNO ULTERIORI ISCRIZIONI FINO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO MASSIMO DI POSTI DISPONIBILI.
Dopo la comunicazione di conferma di attivazione si potrà procedere al pagamento della quota di iscrizione.

Le iscrizioni saranno valide solo a seguito della compilazione del modulo di iscrizione e del versamento della quota.

Partecipanti ammessi: minimo 30 massimo 60

Crediti formativi architetti: 4 + 2. Verranno assegnati 4 CFP per la partecipazione alla sessione della mattina di ciascun modulo e ulteriori n. 2 CFP per la partecipazione alle visite (facoltative) programmate nel pomeriggio.

PROGRAMMA

MODULO DI ISCRIZIONE ON-LINE

Per informazioni:
Fondazione Architetti Modena
tel. 059/333929 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14)
ordine@ordinearchitetti.mo.it

incontro MUDE

Organizzato dalla Struttura Tecnica Commissariale, Agenzia regionale per la ricostruzione, ANCI Emilia Romagna e Comuni area sisma, in collaborazione con Ordini e Collegi professionali presenti al Tavolo Tecnico Congiunto della ricostruzione post sisma 2012

RICOSTRUZIONE POST-SISMA 2012
TAVOLO TECNICO CONGIUNTO
Incontro di formazione MUDE su:
– nuovo Help Desk
– nuovi moduli RCR e SAL
– White List (problematiche recenti)

mercoledì 14 dicembre2016 | ore 14.30 – 18.00
Novi di Modena MO – Piazza 1° maggio  – Sala civica

PROGRAMMA:

14.30 – 15.00 | Registrazione dei partecipanti

15.00 – 16.30 | MUDE:
– nuovo Help Desk
– nuovi moduli RCR e SAL
– White List (problematiche recenti)

Relatori:
ing. Luciano Tortoioli (Struttura Tecnica Commissariale)
ing. Stefano Isler (Agenzia regionale per la ricostruzione)

16.30 – 18.00 | Domande e dibattito

Crediti formativi:
Architetti: n. 3 crediti formativi professionali.
Ingegneri: n. 3 crediti formativi professionali.
Per il riconoscimento dei crediti formativi a favore delle altre Professioni occorre fare riferimento ai rispettivi Ordini e Collegi.

Iscrizioni:
La partecipazione agli incontri è libera e gratuita, previa iscrizione come segue:
Tecnici liberi professionisti: iscrizione on-line entro le ore 12 del 13 dicembre 2016
– Tecnici comunali: Segreteria ANCI E-R, sisma@anci.emilia-romagna.it

La capienza della sala è di 150 posti, le iscrizioni verranno accettate in ordine di arrivo.

Per informazioni:
Ordine Architetti Modena
tel. 059/333929 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14)
ordine@ordinearchitetti.mo.it

seminario La rigenerazione del patrimonio rurale

Organizzato da Fondazione Architetti Modena, Ordine Architetti Modena e Summer School Emilio Sereni

Se in altri eventi formativi sul tema del patrimonio rurale proposti dall’Ordine Architetti P.P.C. Modena è stata posta attenzione al recupero degli edifici approfondendo le tematiche dell’approccio progettuale e delle tecniche di recupero dei manufatti, non meno importante è il tema dell’abitare questi luoghi per mantenerli vivi.
Abitare inteso come la ricerca di un equilibrio fra forme di insediamento e attività lavorative – elementi che, partendo dalla necessità di produrre cibo, hanno disegnato il paesaggio e conferito ai luoghi e alle popolazioni l’immagine plastica della propria identità – connotate da una gestione autosostenibile per la rigenerazione di un patrimonio oggi in forte crisi non solo identitaria.
L’edizione 2016 della Summer School Emilio Sereni, incentrata proprio sul tema “abitare la terra”, con l’intento di portare un contributo alle strategie di pianificazione territoriale e di sviluppo rurale, ha offerto spunti per altri modi di confronto con il paesaggio rurale.
È nell’ottica di un approccio multidisciplinare al tema della rigenerazione del territorio che si propongono due incontri, il primo in novembre in pianura e il secondo a primavera in montagna.

Numero di ore e articolazione temporale del corso:
n. 2 Moduli tematici di 7-8 ore: mattina lezione frontale e dibattiti (9.00 – 13.30), pomeriggio visite guidate ad aziende (15.00 – 18.30)

1° Modulo: 11 novembre 2016  RIMANDATO A PRIMAVERA 2017 a Novi di Modena – Sede Municipale Secondaria, Sala Civica Ferraresi – Piazza 1° maggio

2° Modulo: primavera 2017 (dettagli in corso di definizione)

Quota singolo modulo:
Quota intera: 35 euro + IVA = 42,70 euro
Quota ridotta: 30 euro + IVA= 36,60 euro (Riservata a coloro che hanno frequentato corsi-moduli sul tema del recupero (insediamenti rurali, fabbricati in muratura) e Summer School 2016

Il versamento della quota di iscrizione dovrà essere effettuato entro il 4 novembre 2016, mediante bonifico bancario, intestato a: FONDAZIONE DEGLI ARCHITETTI P.P.C DI MODENA – Via Ungaretti 20 – Modena – IBAN: IT89O0538712905000001458380 – Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Agenzia 5 Modena.
Invieremo conferma di attivazione del seminario al raggiungimento del numero minimo di adesioni.
Dopo la comunicazione di conferma di attivazione si potrà procedere al pagamento della quota di iscrizione.

Le iscrizioni saranno valide solo a seguito della compilazione del modulo di iscrizione e del versamento della quota.

Partecipanti ammessi: minimo 35 massimo 60
Condizioni di attivazione: raggiungimento del numero minimo di iscrizioni
Crediti formativi architetti 1° Modulo: 4 + 2. Verranno assegnati 4 CFP per la partecipazione alla sessione della mattina e ulteriori n. 2 CFP per la partecipazione alle visite (facoltative) programmate nel pomeriggio.

Temi delle relazioni e dei dibattiti
1- Quale rientro e RiUSo del territorio rurale dopo la ricostruzione post-sisma?
2- Cicloturismo: Biciclette a fiumi – la rete EuroVelo e le opportunità per le aziende sul tragitto
3- Ruolo dello spazio rurale nella società post-industriale
4- Moderna agronomia; concetto di integrazione funzionale;
5- Architettura firmata: le cantine
6- Turismo, agricoltura ed enogastronomia
7- Aspetti sociali nella filiera produttiva del Parmigiano Reggiano o di altri prodotti tipici
8- Usi civici, associazione fondiaria, definizione degli assetti proprietari.

PROGRAMMA

MODULO DI ISCRIZIONE ON-LINE

Per informazioni:
Fondazione Architetti Modena
tel. 059/333929 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14)
ordine@ordinearchitetti.mo.it

incontro MUDE: Nuova edizione delle Linee guida

Organizzato dalla Struttura Tecnica Commissariale, Agenzia regionale per la ricostruzione, ANCI Emilia Romagna e Comuni area sisma, in collaborazione con Ordini e Collegi professionali presenti al Tavolo Tecnico Congiunto della ricostruzione post sisma 2012

RICOSTRUZIONE POST-SISMA 2012
TAVOLO TECNICO CONGIUNTO
Incontro di formazione MUDE: Nuova edizione delle Linee guida

martedì 12 luglio 2016 | ore 14.30 – 18.00
Novi di Modena MO – Piazza 1° maggio  – Sala civica

PROGRAMMA:

14.30 – 15.00 | Registrazione dei partecipanti
15.00 – 16.00 | MUDE: la nuova edizione delle Linee Guida (Decreto 1462 del 19.5.2016)
Relatore: Ing. Luciano Tortoioli (Struttura Tecnica Commissariale)
16.00 – 18.00 | Domande e dibattito

Crediti formativi:
Architetti: n. 3 crediti formativi professionali.
Ingegneri: n. 3 crediti formativi professionali.
Per il riconoscimento dei crediti formativi a favore delle altre Professioni occorre fare riferimento ai rispettivi Ordini e Collegi.

Iscrizioni:
La partecipazione agli incontri è libera e gratuita, previa iscrizione come segue:
Tecnici liberi professionisti: iscrizione on-line entro le ore 12 dell’11 luglio 2016
– Tecnici comunali: Segreteria ANCI E-R, sisma@anci.emilia-romagna.it

La capienza della sala è di 150 posti, le iscrizioni verranno accettate in ordine di arrivo.

Per informazioni:
Ordine Architetti Modena
tel. 059/333929 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14)
ordine@ordinearchitetti.mo.it

Progetto di recupero: tutela e rigenerazione edifici in muratura

Organizzato da Ordini Architetti P.P.C. delle province di Modena e Reggio Emilia

IL PROGETTO DI RECUPERO: TUTELA E RIGENERAZIONE

Il territorio della Bassa Padana è caratterizzato da edifici in muratura di mattoni, cotti e crudi, di produzione locale, impiegati sia per semplici fabbricati rurali sia per gli edifici monumentali.

La ricostruzione post-sisma ha accelerato il processo di recupero di queste architetture, avviando contemporaneamente la richiesta di attività formativa specifica in ambito di rigenerazione, recupero e riuso del costruito.

Il corso breve, organizzato in due moduli complementari, è incentrato sull’edilizia in muratura sia ordinaria che tutelata. Esso si propone l’obiettivo di implementarne la conoscenza degli elementi costruttivi, delle tecniche e dei principi della statica; la conoscenza delle tecniche di recupero, restauro e consolidamento anche storicamente impiegate, oltre che delle possibilità di intervento che offrono materiali e tecnologie oggi disponibili. I momenti di workshop, che prevedono la proposizione di casi di studio, sono finalizzati a implementare l’approccio alla progettazione basato sulla lettura critica dello stato di conservazione degli edifici storici e degli interventi di recupero e/o trasformazione che hanno subito nel tempo e sulle scelte di intervento definite nel rispetto dei criteri operativi per la conservazione, la valorizzazione e il restauro.

L’evento formativo è articolato in due moduli della durata di 8 ore ciascuno, frequentabili separatamente:

1° MODULO: 24 giugno 2016
2° MODULO: 1 luglio 2016

Sede: Novi di Modena – Sala Civica Ferraresi – Sede Municipale Secondaria – Piazza 1° Maggio

Crediti formativi:
Architetti: 8 CFP per ciascun modulo. Ai fini del riconoscimento della validità del corso e l’ottenimento dei CFP corrispondenti è necessario che la frequenza non sia inferiore all’80% di quella complessiva prevista.
Ingegneri: 6 CFP per ciascun modulo. Ai fini del riconoscimento della validità del corso e l’ottenimento dei CFP corrispondenti è necessario che la frequenza non sia inferiore al 90% di quella complessiva prevista.

Costi:
80 Euro (Iva esclusa), per i due Moduli; 50 euro (Iva esclusa) per un solo Modulo.
Il costo comprende la sola quota di iscrizione. I costi per il pranzo sono a carico dei partecipanti; saranno proposte soluzioni anche in convenzione.
Riduzioni:
70 euro (Iva esclusa) per i due Moduli per coloro che hanno frequentato i corsi tenuti nel 2015 di seguito elencati, organizzati dall’Ordine Architetti PPC di Modena – area Storia, Restauro e Conservazione:
– corso “INSEDIAMENTI RURALI IN TERRA D’ARGINE”
– corso “IL PROGETTO PER I BENI CULTURALI NELLA RICOSTRUZIONE POST-SISMA 2012
– Incontri integrativi edizione 2012 del corso PROFESSIONI E ARCHITETTURE DI CHIESE”

Il versamento della quota di iscrizione dovrà essere effettuato entro il 30 maggio 2016 prorogato al 7 giugno 2016, mediante bonifico bancario, intestato a: FONDAZIONE DEGLI ARCHITETTI P.P.C DI MODENA – Via Ungaretti 20 – Modena – IBAN: IT89O0538712905000001458380 – Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Agenzia 5 Modena.
Le iscrizioni saranno valide solo a seguito della compilazione del modulo di iscrizione e del versamento della quota.

PROGRAMMA

MODULO ISCRIZIONE ON-LINE

Per informazioni:
Ordine Architetti Modena
arch. Sandra Losi
tel. 059/333929 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14)
ordine@ordinearchitetti.mo.it

MUDE – Progetto formazione


Incontri informativi-formativi organizzati dal “Tavolo Tecnico Congiunto” in materia di ricostruzione privata costituito fra Struttura Tecnica Commissariale, Regione Emilia Romagna, ANCI Emilia Romagna, Comuni/Unioni area sisma e Ordini/ Collegi professionali

SISMA 2012_MUDE
PROCEDURE MUDE, PRIME VALUTAZIONI DEL TAVOLO CONGIUNTO, ORDINI-COMUNI-COMMISSARIO DELEGATO: LA CHECK-LIST PER LA PRESENTAZIONI DEI PROGETTI. 

Come si evince dalla nota del Commissario del 26 ottobre u.s. è stato predisposto un documento denominato “Check List”, corredato di un vademecum di istruzioni e reperibile sulla piattaforma web “ASSISTENZA MUDE”, di ausilio alla verifica della completezza della domanda di contributo RCR/MUDE e al monitoraggio della fase di accettazione e protocollazione della medesima.

Al fine di promuovere e facilitarne l’utilizzo sono stati predisposti due incontri (col medesimo programma) informativi-formativi, rivolti sia ai professionisti sia ai tecnici comunali istruttori MUDE, durante i quali verranno spiegati le motivazioni e i contenuti di tale check list.

Gli incontri avranno carattere operativo, con illustrazione dell’utilizzo pratico della check list.

Programma

15.00 – Registrazione dei presenti

15.15 – Saluti e introduzione ai temi:
Gian Paolo Artioli (rappresentante ANCI-Comuni);
Sandra Losi-Alberto Molinari (rappresentanti Ordini/Collegi professionali)

15.30 – Presentazione generale, obiettivi e finalità della check list
Chiara Gorini (rappresentante STC-RER)

16.00 – Illustrazione e istruzioni per la compilazione della check list
Francesco Pullé (rappresentante Ordini/Collegi professionali)

17.00 – Esempi pratici di compilazione e dibattito

18.15 – conclusione dell’evento

SEDI E DATE
Finale Emilia, 23 novembre 2015
Municipio Provvisorio, Viale della Rinascita (angolo Via Trento Trieste), Multi Area Finalese MAF)

Novi di Modena, 30 novembre 2015
Scuola elementare Anna Frank, Viale Martiri della Libertà n. 20

Agli incontri saranno presenti alcuni membri del “Tavolo Tecnico Congiunto”, anche per rispondere alle domande poste sul tema specifico.

Crediti formativi:
Per il riconoscimento dei crediti formativi occorre fare riferimento ai rispettivi Ordini e Collegi.

Iscrizioni:
La partecipazione agli incontri è libera e gratuita, previa iscrizione come segue:

Le iscrizioni dovranno avvenire entro il 20/11/2015.

La capienza delle sale è di 100 posti, le iscrizioni verranno accettate in ordine di arrivo fino ad esaurimento dei posti disponibili.

MUDE – Progetto formazione


Incontri informativi-formativi organizzati dal “Tavolo Tecnico Congiunto” in materia di ricostruzione privata costituito fra Struttura Tecnica Commissariale, Regione Emilia Romagna, ANCI Emilia Romagna, Comuni/Unioni area sisma e Ordini/ Collegi professionali

SISMA 2012_MUDE
PROCEDURE MUDE, PRIME VALUTAZIONI DEL TAVOLO CONGIUNTO, ORDINI-COMUNI-COMMISSARIO DELEGATO: LA CHECK-LIST PER LA PRESENTAZIONI DEI PROGETTI. 

Come si evince dalla nota del Commissario del 26 ottobre u.s. è stato predisposto un documento denominato “Check List”, corredato di un vademecum di istruzioni e reperibile sulla piattaforma web “ASSISTENZA MUDE”, di ausilio alla verifica della completezza della domanda di contributo RCR/MUDE e al monitoraggio della fase di accettazione e protocollazione della medesima.

Al fine di promuovere e facilitarne l’utilizzo sono stati predisposti due incontri (col medesimo programma) informativi-formativi, rivolti sia ai professionisti sia ai tecnici comunali istruttori MUDE, durante i quali verranno spiegati le motivazioni e i contenuti di tale check list.

Gli incontri avranno carattere operativo, con illustrazione dell’utilizzo pratico della check list.

Programma

15.00 – Registrazione dei presenti

15.15 – Saluti e introduzione ai temi:
Gian Paolo Artioli (rappresentante ANCI-Comuni);
Sandra Losi-Alberto Molinari (rappresentanti Ordini/Collegi professionali)

15.30 – Presentazione generale, obiettivi e finalità della check list
Chiara Gorini (rappresentante STC-RER)

16.00 – Illustrazione e istruzioni per la compilazione della check list
Francesco Pullé (rappresentante Ordini/Collegi professionali)

17.00 – Esempi pratici di compilazione e dibattito

18.15 – conclusione dell’evento

SEDI E DATE
Finale Emilia, 23 novembre 2015
Municipio Provvisorio, Viale della Rinascita (angolo Via Trento Trieste), Multi Area Finalese MAF)

Novi di Modena, 30 novembre 2015
Scuola elementare Anna Frank, Viale Martiri della Libertà n. 20

Agli incontri saranno presenti alcuni membri del “Tavolo Tecnico Congiunto”, anche per rispondere alle domande poste sul tema specifico.

Crediti formativi:
Per il riconoscimento dei crediti formativi occorre fare riferimento ai rispettivi Ordini e Collegi.

Iscrizioni:
La partecipazione agli incontri è libera e gratuita, previa iscrizione come segue:

Le iscrizioni dovranno avvenire entro il 20/11/2015.

La capienza delle sale è di 100 posti, le iscrizioni verranno accettate in ordine di arrivo fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per informazioni:
Ordine Architetti Modena
tel. 059/333929 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14)
ordine@ordinearchitetti.mo.it