Home » INARCASSA – Alluvioni Emilia Romagna e Veneto

INARCASSA – Alluvioni Emilia Romagna e Veneto

26/06/2014
 

Il Consiglio di Amministrazione di INARCASSA, nella riunione del 19 giugno 2014, ha assunto nuove deliberazioni in favore dei professionisti residenti nei comuni colpiti dalle alluvioni di questo inverno, in coerenza con quanto disposto della Legge n. 50 del 28/03/14.

Per gli eventi in Emilia Romagna (17/19 gennaio)

  • la sospensione degli adempimenti contributivi è stata prorogata dal 31 luglio al 31 ottobre 2014.

Per gli eventi in Veneto (dal 30 gennaio al 18 febbraio)

  • Inarcassa ha stabilito la sospensione degli adempimenti contributivi fino al 31 ottobre 2014, per i soli professionisti che producano una dichiarazione di inagibilità, anche temporanea, dell’abitazione o dello studio professionale, riconosciuta dal Comune di riferimento (Legge n. 50/2014, allegato 1 bis). La sospensione contributiva verrà pertanto applicata su istanza dell’iscritto (tramite l’apposito modulo di richiesta ), a condizione che alla data del 30 gennaio 2014 risulti residente o con sede operativa nei territori dei comuni calamitati;
  • come in passato per simili evenienze, Inarcassa esaminerà le segnalazioni dei danni subiti nell’alluvione ai fini dell’assegnazione di eventuali benefici.

In merito a quest’ultimo punto, è stato messo a disposizione degli iscritti il “ Modulo di segnalazione dei danni subiti ” da compilare e restituire completo della documentazione richiesta.

Di seguito si rendono noti i requisiti già richiesti in situazioni analoghe. I richiedenti devono essere:

  • iscritti ad Inarcassa alla data dell’evento calamitoso;
  • in regola con gli adempimenti contributivi e dichiarativi;
  • residenti o con studio professionale dichiarato nei territori interessati dalle calamità naturali come tali riconosciute da apposite ordinanze governative o provvedimenti equivalenti;
  • proprietari, comproprietari, affittuari di immobili adibiti a studio professionale o ad uso promiscuo (studio professionale e residenza) danneggiati dall’evento calamitoso;
  • titolari di studi professionali ricadenti nelle aree colpite dagli eventi calamitosi che hanno danni ai beni strumentali.

 

vai al sito di INARCASSA