Emilia Romagna: nuovo APE dal 1 ottobre 2015

By | | No Comments

Fonte: ANIT – Associazione Nazionale per l’Isolamento Termino e acustico

La Delibera 1275/2015 pubblicata sul BUR il 10 settembre 2015 entrerà in vigore il 1° ottobre 2015. Fino a tale data continueranno ad applicarsi le disposizioni attualmente vigenti di cui alla Delibera 156/2008 e s.m., e in particolare quelle riportate ai punti 5, 6 e 7 e negli allegati 6, 7, 8, e 9.  Diverse e importanti le modifiche introdotte, in coerenza con le disposizioni nazionali, che modificano radicalmente le metodologie finora applicate ai sensi della Delibera 156/2008.
Le disposizioni prevedono l’avvio, a partire dal 1° gennaio 2016, di campagne annuali di verifica di conformità degli APE (attestato di prestazione energetica) emessi, anche ai fini della irrogazione delle sanzioni previste dalla legge, specificando le modalità e le tipologie di controllo previste.

Scarica Delibera APE: EmiliaRomagna-delibera1275/2015

Scarica Delibera Requisiti minimi:Emilia Romagna DGR 967-2015 attuazione DM requisiti minimi

RER – Chiarimenti su nozione di interesse pubblico

By | | No Comments

Facendo seguito alla Circolare avente ad oggetto “Accordi di programma per la realizzazione, ammodernamento e ristrutturazione di insediamenti produttivi” (PG. 2015.0308657 del 13/05/2015), si evidenzia che le indicazioni ivi contenute in merito alla nozione di interesse pubblico riferita agli impianti produttivi sono confermate dalla recente sentenza del Consiglio di Stato n. 2761 del 05/06/2015, disponibile sul sito web della Regione Emilia-Romagna al seguente indirizzo:

http://territorio.regione.emilia-romagna.it/codice-territorio/sentenze-sul-governo-del-territorio/460-2015

Tale pronuncia ha infatti accertato la legittimità di un permesso di costruire in deroga alla pianificazione vigente, riconoscendo di interesse pubblico un intervento edilizio che non persegua unicamente interessi di natura territoriale e urbanistica, ma che risponda ad una serie di interessi pubblici rilevanti anch’essi affidati alla cura dell’amministrazione locale (nella fattispecie il recupero di un edificio storico, l’accessibilità e fruibilità al pubblico del medesimo, l’entrata di notevoli risorse finanziarie straordinarie per il Comune, l’attivazione di investimenti privati con incremento occupazionale, il consolidamento dei servizi offerti al mercato internazionale).

Ricostruzione post-sisma 2012: proroga domande immobili E

By | | No Comments

Prorogate al 31 dicembre 2015 le domande per immobili E, quelli inclusi nelle Umi e delle associazioni senza scopo di lucro

Aggiornate le procedure sulla ricostruzione delle abitazioni private. Lo definisce l’ordinanza n. 71 del 17 ottobre 2014 varata dal Commissario delegato alla ricostruzione Alfredo Bertelli che modifica diverse ordinanze commissariali (la n. 29, 51, 57 e 86 del 2012 e la n. 131 del 2013 nonché la 9 e 39 del 2014) e che proroga i termini di presentazione delle domande di contributo per la ricostruzione dei privata (n. 29, 51 e 86 del 2012 e n. 131 del 2013). Le modifiche sono scaturite dall’esperienza maturata sulle pratiche in corso e a seguito del confronto con i comuni, colpiti dagli eventi sismici del maggio 2012, e con il supporto del tavolo tecnico permanente con gli ordini professionali delle quattro province coinvolte.

Tra le novità la proroga al 31 dicembre 2015 dei termini per la presentazione delle domande di contributo per gli immobili classificati E. Prorogati anche i termini per la presentazione delle domande degli immobili inclusi nelle UMI e quelli delle associazioni senza scopo di lucro.

Sono stati rivisti i tempi di protocollazione, accettazione e istruttoria delle domande da parte dei comuni allineandoli a quelli della legge regionale 15/2013 in materia di edilizia (decorsi cinque giorni la pratica si intende accettata e dal quel momento partono i 90 giorni per l’istruttoria dei Comuni) e sono stati allungati anche i tempi per la presentazione delle integrazioni da parte dei professionisti (da 10 a 30 giorni).

Viene maggiormente dettagliato il procedimento da seguire in caso di varianti che si dovessero rendere necessarie nel corso dell’esecuzione dei lavori. A due anni dal sisma alla luce delle numerose pratiche presentate, istruite e i contributi già concessi, sono state maggiormente dettagliate le attività da parte dei Comuni e del Commissario inerenti il controllo sulla parte edilizia e strutturale dei progetti, sui computi metrici e sulle attività amministrative.

Il provvedimento contiene, inoltre, altre disposizioni di carattere tecnico che chiariscono e specificano maggiormente le procedure per il calcolo dei contributi e per la presentazione delle domande. L’ordinanza 71 è propedeutica all’uscita nei prossimi giorni dell’aggiornamento delle “Linee Guida relative all’applicazione delle ordinanze commissariali nn. 29, 51 e 86/2012” approvate in febbraio 2014. Il testo dell’ordinanza è consultabile nella sezione “Atti per la ricostruzione” del portale della Regione, e sarà pubblicata sul Bollettino ufficiale telematico della Regione Emilia-Romagna (Burert).

Ricostruzione post-sisma 2012: richiesta informazioni su RCR imprese agricole

By | | No Comments

Ricostruzione post-sisma 2012
Tavolo Tecnico Ordini/Collegi Professionali
Comunicazione e richiesta informazioni

Ai tecnici operanti nella ricostruzione post-sisma

Gentili Colleghi,

in occasione degli ultimi incontri del Tavolo Tecnico Ordini e Collegi professionali e Struttura Tecnica Commissariale per la Ricostruzione, in cui si è discusso della possibilità di ottenere proroghe delle imminenti scadenze per l’inoltro delle pratiche RCR, ci è stato confermato il permanere di rigide condizioni di vincolo per la presentazione delle RCR delle imprese agricole attive, che devono essere liquidate entro 4 anni dall’evento a cui si riferiscono, pertanto entro il prossimo 29 maggio 2016.
Considerato che è ferma intenzione della Struttura Tecnica Commissariale della Regione continuare a insistere nella trattativa per trovare una possibile soluzione che consenta di ottenere la proroga (che dovrebbe essere di un anno, come diffuso nelle bozze delle nuove Ordinanze), in attesa di ulteriori sviluppi, la Struttura Tecnica Commissariale chiede la collaborazione di tutti i Tecnici operanti nella ricostruzione per monitorare la situazione delle RCR relative alle imprese agricole attive che ancora devono essere presentate.
Si chiede quindi di compilare l’accluso modulo e di inviarlo alla mail ilmodulorosso@gmail.com entro il prossimo 27 ottobre 2014.
Qualora aveste già fornito le stesse indicazioni al Collegio Geometri o all’ordine Ingegneri si prega di non compilare il modulo onde evitare sovrapposizioni.

Per ulteriori informazioni contattare il MODULO ROSSO all’indirizzo mail sopraindicato.

Certi di una fattiva collaborazione, si porgono cordiali saluti

I referenti del Tavolo Tecnico

OA/MO arch. Sandra Losi e arch. Anna Allesina
OA/BO arch. Veronica Visani
OA/FE arch. Simona Corticelli e arch. Angela Pardi
OA/RE arch. Walter Baricchi e arch. Luca Ghiaroni

scarica il comunicato

scarica il modulo